STUDIO DI FATTIBILITA’ – Realizzazione di una nuova casa di riposo

LA SITUAZIONE INIZIALE

La casa di riposo in questione detiene la proprietà immobiliare dell’edificio, tuttavia la gestione, evidenzia importanti inefficienze.
La richiesta fatta a Kairos è di comprendere dove sorgano tali deficit e quindi, di individuare delle soluzioni gestionali per superarli. Con l’occasione viene chiesta anche una analisi strategica del patrimonio, al fine di stabilire le strategie di valorizzazione in funzione delle risultanti economiche della gestione dello stesso.

L’INTERVENTO REALIZZATO

casa-di-riposo-1Si è provveduto all’analisi complessiva della gestione, costruendo un modello non solo a componenti di bilancio finanziario, ma arricchito anche dalla ricostruzione della serie storica dei flussi economici e finanziari della gestione.
E’ stato effettuato un piano economico e finanziario e un’analisi attraverso due diligence economica-finanziaria-legale e tecnica. L’analisi ha evidenziato l’insostenibilità nel tempo della gestione dell’elevato costo di quest’ultima, derivante dalla inadeguatezza delle strutture esistenti. Si sono poi evidenziate importanti carenze strutturali di servizio e inadeguamenti normativi in termini sia di sicurezza che di rispetto della legge di accreditamento Regionale.

Dalle analisi la soluzione individuata ha portato a due importanti azioni:

1. la trasformazione della Ipab in fondazione privata, valorizzando il patrimonio esistente attraverso un aumento dei flussi di cassa senza la vendita del patrimonio stesso;
2. l’ Utilizzo di parte del patrimonio per la realizzazione di una nuova struttura.

I RISULTATI OTTENUTI

Il piano economico e finanziario, la due diligence e l’analisi del patrimonio hanno evidenziato tutte le criticità dell’operazione, evitando al Consiglio di Amministrazione delle scelte non in linea con la sostenibilità nel tempo dell’operazione di investimento.
In fase di negoziazione con il sistema bancario il progetto è stato interamente prefinanziato attraverso un tasso agevolato con linea BEI (Banca Europea di Investimento).
La gestione è stata resa funzionale attraverso lo studio delle tecnologie di
efficientamento energetico e di una progettualità che consentisse una valorizzazione del patrimonio immobiliare dell’IPAB senza ricorrere all’alienazione.
Le relazioni costruite sono state depositate presso la Direzione Regionale che ha dato il suo parer positivo ottenendo proroga in deroga alle carenze riscontrate.